Chi siamo


La Dott.ssa Daniela Filippone, laureata con lode in Dietistica presso l’università G. D’Annunzio di Chieti, si occupa di diagnosi e terapia dell'obesità e delle sue complicanze, alimentazione nello sport e supporto per chi è affetto da disturbi del comportamento alimentare.

 

I campi di interesse:

  • Patologie dismetaboliche (diete per obesità, diabete, dislipidemie, ipertensione arteriosa)

  • Dietoterapia in varie forme di malnutrizione (dieta per celiachia, patologie epatiche e gastroenteriche, renali, etc.).

  • Allergie ed intolleranze alimentari. 

  • Valutazione e follow up dei pazienti che si sottopongono alla chirurgia dell’obesità.

  • Disturbi del comportamento alimentare.

  • Alimentazione nello sport.

 

Dossier obesità

 

Nel Dossier cerchiamo di individuare le responsabilità perché nel sovrappeso e nell’obesità il fattore genetico incide solo in minima parte. I maggiori imputati risultano la ridotta attività fisica che si accompagna alle cattive abitudini alimentari.
Obesa è una persona il cui peso supera del 20-25% quello ideale in rapporto ai sui dati antropometrici o la cui percentuale di grasso corporeo supera il peso ideale, nell’uomo del 25% e nella donna del 35%. L’indice di massa corporea, valido per gli adulti, mette insieme peso e altezza, e ci consente di classificare il peso. Si calcola in questo modo: il peso in chilogrammi diviso per il quadrato dell’altezza in metri.
Ad esempio, un adulto di 70 Kg è alto 1.75 m avrà un BMI pari a 22.85.

BMI: 70(peso)/ 1.75 * 1.75 = 22.85

Tabella di riferimento

L’obesità si correla a uno sbilancio energetico molto evidente. Le calorie ingerite con il cibo superano di gran lunga quelle spese nell’arco della giornata.
Questo surplus di energie inutilizzate diventa grasso che si deposita negli adipociti, le cellule del tessuto adiposo, una sorta di magazzino di riserve energetiche.